Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia

TASI 2018 (Tassa sui serivizi indivisibili)

SCADENZE:
ACCONTO       entro il 18/06/2018
SALDO             entro il 17/12/2018


Aliquota ordinaria:
TASI   1,00 per mille

Riferimenti normativi:
Si informa che con Delibera del Consiglio Comunale nr. 10 del 08/02/2018 sono state approvate le aliquote TASI per l'anno d'imposta 2018:
  • Aliquota 1,00 per mille, per tutti gli immobili, così come stabilito dalla normativa vigente.
  • Aliquota 0,00 per mille - ai sensi dell’art. 31 secondo comma – Aliquote – TASI - del vigente regolamento comunale dell’unità immobiliare già adibita ad abitazione principale e relative pertinenze nella misura massima di un’unità pertinenziale per ciascuna delle categorie catastali C/2, C/6 e C/7, possedute a titolo di proprietà o di usufrutto, da anziani o disabili che acquisiscono la residenza in istituti di ricovero o sanitari a seguito di ricovero permanente, a condizione che l’unità immobiliare e relative pertinenze non risultino locate o date in comodato d’uso;
Nel caso in cui l'unità immobiliare sia occupata da un soggetto diverso dal proprietario, ad esempio inquilino o comodatario , il proprietario e l'occupante sono tenuti a pagare la TASI nel seguente modo:
  • proprietario 90%
  • inquilino 10%
E’ soggetto al pagamento della TASI chiunque possegga o detenga a qualsiasi titolo fabbricati, ivi compresa l'abitazione principale e le aree edificabili, come definiti ai sensi dell’IMU, ad eccezione, in ogni caso dei terreni agricoli. Nel caso in cui l’unità immobiliare sia occupata da un soggetto diverso dal possessore,  quest’ultimo e l’occupante sono titolari di un’autonoma obbligazione tributaria.  Si invitano pertanto i possessori di immobili che risultano locati, a comunicare il nominativo del locatario mediante apposito modello reperibile presso l’Ufficio Tributi o scaricabile dal sito web del Comune. In difetto, non disponendo al momento di una banca dati aggiornata, i modelli di versamento precompilati verranno inviati al solo proprietario, presupponendo che l’intera tassa sia a suo carico.

Dal 2015 è prevista la riduzione di 2/3 del tributo per i cittadini italiani pensionati residenti all'estero ed iscritti all'A.I.R.E, purchà tale immobile non risulti locato o concesso in comodato. 
(ai sensi del c. 2 dell'art. 9 bis del D.L. n. 47 del 28 marzo 2014, concertito in Legge n. 80 del 23 maggio 2014).
torna all'inizio del contenuto